2nd day in Istanbul


secondo intensissimo giorno a Istanbul. Eravamo partite benissimo (io non ero convinta) con l’idea di utilizzare la metropolitana, ma poi, una volta raggiunta l’acqua del Bosforo, abbiamo optato per il taxi. Direzione Gran Bazar, dove abbiamo trascorso diverse ore tra bigiotteria, sciarpe, borse e asciugamani in cotone.

io a Besiktas. Gonna Zara, t-shirt Helmut Lang, sandali Alaia, sciarpa Chan Luu

sulle rive del Bosforo

una delle porte d’ingresso del Gran Bazar

la fontana di marmo al Gran Bazar

la danza dei Dervisci

Antonella al Gran Bazar

il the turco

 Sosta per un te turco, da Ambrosia, di fianco al più famoso Fes Cafè, dentro al Gran Bazar e poi via verso la Moschea Blu.

il lustra-scarpe

le caramelle

il rito dell’ abluzione

Sultanahmet Camii, la Moschea Blu

protetta dal velo e dal telo

Nonostante la sorpresa di scoprire come è realmente una moschea, sono rimasta un po’ delusa. Mi aspettavo del blu intenso e non ho trovato un gran fascino.
Quello che, invece, ho trovato assolutamente da non perdere (anche se la guida le riservava solamente un trafiletto) è la Cisterna Basilica. Uno spazio sotterraneo buio in cui dominano infinite colonne dolcemente illuminate. Affascinante.

la Cisterna Basilica

il Faros Restaurant

il Bazar delle Spezie

il the

la Torre di Galata

Alla sera cena da Kosebasi, a Nisantasi, cucina turca in un bell’ambiente moderno. 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s