the iron lady

Meryl Streep in Vivienne Westwood ai SAG Awards



“Essere potenti è come essere una donna. Se hai bisogno di dimostrarlo, vuol dire che non lo sei.”
                                                                                                        Margareth Thatcher



quando avevo deciso di andare a vedere The Iron Lady pensavo a un film in cui si raccontava la storia di Margareth Thatcher durante i suoi anni da primo ministro, molto storico, con questa grande presenza femminile. Ho trovato un avvicendarsi di passato e presente e la storia della Lady di Ferro narrata attraverso i ricordi di una donna malata e ormai ottantaseienne. 
Grande l’interpretazione di Meryl Streep, vincitrice del Golden Globe come migliore attrice protagonista e in attesa, forse, di un Oscar (ma non premiata ieri sera ai SAG)
Invecchiata meglio rispetto al J.Edgar di Di Caprio e a Armie Hammer (The Social Network) ha saputo trasformarsi da figlia del droghiere (“ma con laurea ad Oxford”) in quel primo ministro inglese passato alla storia, cambiando anche tonalità e timbro di voce.
Tuttavia non sono uscita soddisfatta. E’ mancato il mordente, la storia e quella lady di ferro di cui non credo di avere ricordi troppo sbiaditi.
Un’occasione persa in cui avevo, forse, riposto troppe aspettative.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s